Pecorino Vedi tutte le ricette a base di Pecorino

Categoria: Formaggi
Pecorino
  • Valori Nutrizionali
  • Versione Stampa
  • Manda ad un amico
  • Le Ricette

Valori Nutrizionali & Calorie

  • Pecorino
  • Pecorino romano
  • Pecorino, fresco
  • Pecorino da grattugiare

In gastronomia il pecorino, insieme al parmigiano e al grana, è il formaggio da grattugia più utilizzato. Numerose sono le ricette che lo contengono in particolar modo quelle per la preparazione di primi piatti: dagli spaghetti alla carbonara a quelli all’amatriciana per finire con i famosi spaghetti cacio e pepe.
Oltre ad essere un importante elemento per il completamento di un primo piatto, possiamo anche gustarlo nelle polpettine sia fritte che in umido, nei polpettoni rustici, o anche gustarlo semplicemente affettato e accompagnato da fave fresche e pancetta o accompagnato da gocce di mosto cotto con della frutta secca, noci e mandorle. Si sposa poi benissimo con miele caldo di castagno, servito a fette insieme al pane casereccio.

■ Curiosità

Il pecorino di botte é un formaggio tradizionale prodotto con latte di pecora intero e caglio di vitello o di agnello con aggiunta di fermenti lattici del territorio marchigiano e umbro, particolarmente diffuso nella zona di Fano e nel comprensorio Eugubino-Gualdese.
Secondo la tradizione, il periodo di permanenza nelle botti va \"da San Giovanni a San Martino\", cioé dal 24 giugno all\'11 novembre.
Secondo i racconti popolari, furono alcuni pastori di origine sarda i primi a conservare per alcuni mesi il formaggio pecorino dentro botti di rovere, alternando uno strato di cenere e foglie di noci al pecorino.
Pare che il tutto sia nato dall\'iniziativa di un pastore mal pagato il quale per pareggiare i conti con il proprio padrone, sottraeva ogni giorno una forma di pecorino. Egli, che doveva custodirlo fino al momento della vendita, nascondeva le forme di formaggio rubate all\'interno delle botti vuote che erano in cantina. Per far sembrare le botti completamente piene, vi metteva dentro, oltre al formaggio, anche un po\' di cenere.
Così quando il padrone passava in cantina a verificare che le botti fossero piene, battendo con le dita sui contenitori, non si accorgeva di nulla. Prima di chiudere le botti, il pastore diceva una preghiera, raccomandandosi a San Giovanni. La botte veniva aperta il giorno di San Martino, l\'11 novembre, quando al posto del formaggio veniva messo il vino.