Pesche Vedi tutte le ricette a base di Pesche

Categoria: Frutta
Pesche
  • Valori Nutrizionali
  • Versione Stampa
  • Manda ad un amico
  • Le Ricette

Valori Nutrizionali & Calorie

  • Pesca [prunus persica]
  • Pesca sciroppata
  • Succo di pesca, conservato


\"pesco_infiore_prd.jpg\"


Il pesco, è originario della Cina dove lo si può ancora trovare allo stato selvatico; si pensa che dalla Cina giunse in Europa attraverso la Persia (grazie alle spedizioni che Carlo Magno fece contro i Persiani), da cui prese il loro nome latino: persica.
Secondo altri, i Greci lo avrebbero introdotto dall\'Egitto.



■ Coltivazione, varietà e raccolta


\"raccolta_pesche_prd.jpg\"Il pesco, cresce in zone dal clima mediterraneo, quindi ben si adatta all’Italia.
Il genere Persica comprende diverse specie, anche ornamentali, ma tra quelle coltivate più importanti sono:

\"pesche_ciotola_prd.jpg\" Persica vulgaris , dai frutti a buccia vellutata, da consumo fresco o da industria, come le pesche comuni e le percoche o duracine; queste ultime hanno una polpa soda e consistente, adatta ad essere utilizzata per la produzione di pesche sciroppate e macedonie.


\"pesche_noci_prd.jpg\"Persica laevis , dai frutti a buccia liscia e da consumo fresco, come la pesca noce o nettarina.

Le varie specie di pesco, in relazione alla specie di appartenenza e al tipo di prodotto fornito, vengono distinte in:
- cultivar da consumo fresco (bianche e gialle);
- nettarine (bianche e gialle);
- percoche (da industria).

\"pesche_gialle_prd.jpg\"La maturazione delle pesche in Italia avviene a seconda della loro varietà: quella molto precoce avviene verso la fine di maggio (specie nelle zone meridionali), la precoce verso luglio-agosto e la tardiva a settembre.

Tra le pesche a pasta gialla, le più famose e coltivate sono: le Collins, le Gialle di Padova, Haleaven, Elberta, June gold;
tra quelle a pasta bianca: le Fior di Maggio, Veronese, Fertile del Pitou, Michelini e K2;
tra le pesche noci: le Indipendence, Fantasia e Stark red gold.

■ Al momento dell\'acquisto


\"pesche_tante_prd.jpg\"Quando acquistate le pesche, dovete tenere presente che quelle a polpa gialla sono generalmente più acide, mentre quelle a polpa bianca sono quasi sempre più dolci e saporite in quanto più ricche di zuccheri.

In generale, le pesche devono essere morbide al tatto (ma non molli), profumate, ed avere buccia liscia e vellutata, priva di ammaccature o grinze; il loro colore deve risultare intenso ma non verde, (che invece è indice di scarsa maturazione).

■ Conservazione


\"pesche_secchio_prd.jpg\"

Le pesche si trovano in commercio fresche d’estate, e sciroppate o essiccate tutto l\'anno.
Quelle fresche, se acerbe vanno tenute a temperatura ambiente fino a maturazione, poi vanno conservate in frigorifero, nello scomparto della frutta e verdura per 5-6 giorni al massimo.


■ Uso in cucina


\"pesche_amaretti_prd.jpg\"Le pesche sono frutti succosi dal sapore zuccherino e, sono ideali, nelle preparazioni di fresche macedonie o di torte, frullati, gelati, marmellate, conserve sciroppate e dolci in genere; famosa è la ricetta Piemontese delle “pesche al forno con gli amaretti”.



■ Proprietà nutrizionali


\"pesche_sciroppate_prd.jpg\"

Le pesche, sono ricche di fibra insolubile ed hanno quindi un indice di sazietà piuttosto elevato; sono perciò indicate negli spuntini o per concludere un pasto poco saziante.

Contengono discrete quantità di vitamina C, potassio e beta carotene e sono poco caloriche (25 kcal per 100 g), per cui molto adatte alle diete estive: contengono infatti un\'elevata quantità di acqua e niente grassi.
Una qualità delle pesche (anche le nettarine) è quella di svolgere una importante azione antiossidante che si attua contro i radicali liberi.


■ Curiosità


\"pesche_leonforte_prd.jpg\"

A Leonforte, un paesino della Sicilia vicino Enna, ogni anno, a giugno, i contadini, con dei sacchetti di carta pergamenata, compiono un lavoro paziente e particolarissimo: chiudono a mano, una a una sull\'albero, le pesche ancora verdi, che in questo modo vengono protette dai parassiti

( e nel contempo non necessitano di antiparassitari) e dal vento, e possono rimanere sugli alberi molto più \"pesche_pergamenate_prd.jpg\"tempo, per essere raccolte, con una lieve rotazione del picciolo (senza strapparlo), a completa e perfetta maturazione, verso settembre, ottobre, o addirittura a novembre.

Le pesche settembrine di Leonforte, hanno colore giallo intenso con leggere striature rosse, sono profumatissime, con polpa gialla, soda, dolce e un gusto particolare, quasi di candito.
Sono diventate presidio Slow Food.