Cosa mangiare dopo l'attività fisica

Cosa bisognerebbe mangiare dopo l'allenamento? E' un momento importante che non andrebbe mai saltato, come spesso può accadere per i ritmi frenetici di vita. Nei prossimi paragrafi cercheremo di spiegare quanto è importante questo spuntino per la salute muscolare e metabolica dell’organismo e come comporlo al meglio per soddisfare le richieste dei nostri muscoli, mantenendoli così tonici, attivi e sempre giovani.

L'importanza dell'allenamento

Tutti sappiamo, o per lo meno tutti ce lo ripetono in continuazione, quanto importante sia la corretta attività fisica per il mantenimento della nostra salute. Muscoli più tonici, pelle più lucente, cuore più forte, sistema ormonale più efficiente e cervello più giovane sono solo alcuni degli innumerevoli benefici legati all’esercizio fisico regolare. Superato il primo ostacolo dei 10 mila passi giornalieri, fondamentali per essere normalmente attivi, ognuno di noi potrà indirizzarsi verso l’esercizio fisico che più lo appaga o più indicato per gestire al meglio la sua situazione fisica.

Cosa mangiare dopo l'attività fisica

Dopo ogni sforzo fisico, soprattutto se intenso e regolare, ognuno di noi ha il compito di nutrire al meglio il muscolo così da renderlo più forte, più capace e più resistente di prima.

Vediamo quali sono gli elementi che apportano beneficio dopo l'attività fisica:

  1. Gli zuccheri semplici potranno subito riattivare le nostre connessioni nervose e muscolari dopo l’esercizio fisico. Avranno quindi una preziosa funzione sia per i nostri muscoli che per il nostro cervello. Inoltre il consumo dell’opportuna quantità di zuccheri permetterà di modificare il profilo ormonale, facilitando il recupero energetico e strutturale del muscolo.
    Frutta di stagione, miele, cioccolata, ricca tra l’altro di bioflavonoidi, e frutta disidratata rappresenteranno fonti sane e gustose di zuccheri.
    Bisogna solo prestare attenzione alle quantità, che non siano eccessive.
  2. I carboidrati sono il carburante preferito dai nostri muscoli. Ogni allenamento, più o meno intenso che sia, consuma carboidrati. Tanto più il muscolo sarà capace di stoccare riserve di questi nutrienti, tanto migliore sarà la performance. Ma non solo: terminato l’allenamento il muscolo sarà capace di tramutare questi nutrienti in una sostanza, chiamata glicogeno, che potremmo immaginare come un’enorme cisterna di carburante dal quale il muscolo potrà attingere durante l’esercizio fisico. Per questo motivo, dopo ogni allenamento, dovremmo ricordarci di consumare le giuste quantità di carboidrati.
    Pane di segale, gallette di riso, cereali, riso, pasta, patate sono solo alcuni degli alimenti da cui potremo attingere buone quantità di questi nutrienti.
  3. Il nutriente sicuramente più importante perché necessario ed essenziale: le proteine, infatti, una volta digerite, verranno scomposte in piccole sostanze note come aminoacidi che
    costituiranno i mattoncini attraverso i quali costruiremo il nostro “muro muscolare”. Tuttavia, oltre a garantire un adeguato recupero strutturale muscolare, l’assunzione di proteine dopo
    l’allenamento permetterà anche il buon funzionamento del sistema immunitario, evitando spiacevoli cali responsabili di stanchezza, affaticamento o infezioni.
    Yogurt greco, fiocchi di latte magro, bresaola, fesa di tacchino, pesce, albume d’uovo sono solo alcuni esempi di proteine nobili. Per i vegani, invece, tofu, seitan, tempeh e legumi potranno, se sapientemente combinati, sostituire le più comuni fonti proteiche animali.

Alla luce di queste considerazioni, quindi, potremo organizzare al meglio il nostro spuntino post-
allenamento. Yogurt greco con fiocchi di mais e uvetta piuttosto che pane di segale con fiocchi di latte e marmellata o ancora una spremuta d’arance con del pane di segale e della bresaola sono solo alcuni dei mille esempi con i quali rendere gustoso lo spuntino post-workout.

Chiudi