Cavolfiore in pastella: così arricchisci il fritto misto di verdure

/5
CONDIVIDI SU:

Presentazione

 

Sano e saporito, il cavolfiore è una verdura versatile che può dar vita a piatti davvero deliziosi. Un antipasto tipico della cucina siciliana: cavolfiore lesso tagliato a pezzetti, immerso nella pastella e fritto. Una ricetta che è possibile realizzare durante tutto l’inverno, ma che in Sicilia è molto gettonata durante il natale, soprattutto per la vigilia e l’Immacolata.
Si tratta di una pastella gonfia e saporita, preparata con pochi ingredienti: farina, acqua e lievito, che rendono la panatura croccante fuori e morbida dentro, in modo da far risultare il fritto asciutto e leggero, una bontà per il palato.

Con pochi e semplici passaggi è possibile realizzare un piatto originale, diverso dal classico antipasto fritto all’italiana. Per renderlo ancora più sano, è possibile sostiture la frittura con una cottura più leggera, al forno, scelta ideale per chi non vuole rinunciare ad un peccato di gola senza sensi di colpa.

Cavolfiore fritto in pastella

Semplice da preparare, il cavolfiore in pastella, è perfetto anche per un buffet o come antipasto in un mix di fritti. Si tratta di un contorno saporito e molto nutriente, facile da cucinare, che può essere servito sia con secondi di carne che di pesce.

Ingredienti

  • 1 cavolfiore 
  • 300 g acqua 
  • 300 g farina 00
  • 1/2 cubetto di lievito
  • 1 pizzico di sale 
  • 1 litro di olio di semi

Procedimento

In una ciotola versiamo la farina e il lievito di birra fresco sbriciolato. Uniamo l’acqua un po’ per volta e poi il sale. Mescoliamo per bene con una frusta fino a formare una pastella senza grumi. Copriamo con la pellicola e lasciamo lievitare per circa 1 ora e mezza. Intanto, puliamo e laviamo il cavolfiore. Ricaviamo delle roselline. Mettiamole a cuocere in una pentola con dell’acqua salata per circa 5 minuti. Scoliamo e lasciamo raffreddare. Tuffiamo le roselline nella pastella lievitata e friggiamo in abbondante olio bollente fino a doratura. Scoliamo e facciamo asciugare su della carta assorbente da cucina. 

 

Creator
Blogger di Giallozafferano dal 2013, cresciuta tra pentole e cucchiai, prepara con amore ricette dolci e salate, alla riscoperta dei sapori tradizionali.
Chiudi