Sartù di riso, lo sformato napoletano che ha ingannato tutti

/5

Presentazione

Quando si parla di tradizione a tavola non si può non pensare alla Campania, fonte inesauribile di piatti prelibati che hanno fatto la storia della cucina italiana.
Uno di questi è il Sartù, uno sformato di riso ripieno di polpettine di carne, tocchetti di uova, piselli e provola che rappresenta uno dei piatti più elaborati e amati della tradizione gastronomica napoletana. Un piatto nato per inganno a opera dei cuochi della regina Maria Carolina d’Austria, moglie di Ferdinando I di Borbone che, quando giunse a Napoli dopo il matrimonio, trovò una corte reticente all’uso di questo cereale. Il riso, infatti, veniva considerato dai napoletani una pietanza senza sapore, buono solo per curare i malati; almeno fin quando la Regina, che non amava la cucina partenopea, non commissionò ai cuochi francesi, scelti da lei personalmente, un piatto che potesse essere più incline ai suoi gusti.
Il sartù di riso fu subito amato da tutti e, del resto, non poteva essere altrimenti: il sapore dolciastro del pomodoro e dei piselli e quello selvatico e deciso delle polpette di carne, insieme agli altri ingredienti, regalano a questo sformato un gusto irresistibile che ti strega ad ogni morso.

Sartù di riso, la ricetta classica napoletana

Nonostante questo sia un piatto molto elaborato, la sua preparazione è davvero semplice. Perfetto da gustare per un pranzo all’aperto in vista dell’arrivo della Primavera, con questo sartù di riso porti in tavola la vera tradizione napoletana.

Ingredienti

  • 500 gr di riso
  • 3 uova
  • 150 gr di provola
  • 100 gr di riso
  • 1 cipollina
  • 150 gr di carne macinata
  • 30 gr di pane
  • 4 cucchiai di parmigiano
  • 1 uovo
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • 1 passata di pomodoro
  • ¾ foglie di basilico
  • 1 cucchiaino di burro per la teglia
  • 2 cucchiai di pan grattato per la teglia

Procedimento

Cuociamo il riso in acqua bollente e mettiamo da parte.
Procediamo con la preparazione del sugo e uniamo in una pentola dai bordi abbastanza alti l’olio, la cipollina tritata, la passata di pomodoro, 3 o 4 foglie di basilico e un pizzico di sale.
Passiamo, ora, alle polpettine e, in una ciotola capiente, versiamo la mollica di pane, le uova, la carne macinata, il parmigiano e un pizzico di sale e pepe mescolando bene per amalgamare tutti gli ingredienti. Preleviamo una noce di impasto e iniziamo a creare le polpettine la cui forma andremo a perfezionare lavorando i bocconcini sul palmo della mano. Una volta pronte, friggiamo in una padella con dell’olio evo. Cuociamo anche le uova in un pentolino con dell’acqua bollente finché non si saranno rassodate.
Uniamo la salsa di pomodoro al riso, mischiamo e trasferiamone la metà in uno stampo rotondo per ciambellone foderando bene le pareti con il composto; aggiungiamo i piselli che avremo precedentemente ammorbidito, le polpettine fritte, la provola a dadini e le uova sode. Copriamo il ripieno con l’altra metà del riso e sigilliamo col pangrattato.
Facciamo cuocere in forno statico a 180°C per circa un’ora e lasciamo raffreddare per mezz’ora prima di servire.

Creator
Di origine napoletana, studia marketing e cucina per passione. E’ specializzata in ricette veraci della tradizione campana che assaggia con gusto all’inizio di ogni video.
Il periodo di prova è senza addebito,
dopo rinnovo in automatico a € 19,99/anno.
Disdici quando vuoi.
Aggiornamento Termini e Condizioni

Gentile Utente,
le nostre Condizioni e Termini d'Uso del sito sono state modificate. Le nuove Condizioni e Termini d'Uso sono entrate in vigore dal 6 Giugno 2022. Ti preghiamo di prenderne visione a questo link ed accettarle per potere proseguire con l'utilizzo del sito e ad usufruire dei servizi offerti.

Newsletter